Maria SS: La Verità vi fara liberi

Vi è stato detto che la verità vi farà liberi. Sì, è vero, poiché la verità è luce, e quando la possedete voi camminate sicuri

By

La Verità vi fara liberi

Dice Maria: (Maria Madre e Maestra, Vol. 1) — "Figli miei, con quanta gioia e con quanta tenerezza vi stringo al mio cuore. Voi siete i miei bambini, i prediletti del mio cuore. Voi siete quei figli che io vado istruendo, e ai quali vado svelando le arcane bellezze delle cose di Dio.

La rivelazione divina che fu comunicata all'inizio del mondo e che si tramandò nei secoli per mezzo di quel popolo prediletto da cui doveva nascere tramite me il mio divin Figlio, si completò con la predicazione di Gesù e degli apostoli, che da Lui avevano appreso la verità.
Io poi, avendo vissuto accanto a Lui ed avendo attinto alla sorgente della verità, potei, dopo la sua morte, svelare molte cose alla Chiesa nascente.

Anche se la verità rimane immutabile nei suoi dogmi, continuo nella Chiesa la mia opera. Io chiamo i miei figli più affezionati e faccio loro capire con chiarezza ciò che sembra avvolto nel mistero.

Dove io entro, entra la luce, e le verità divine, che rimangono nascoste ai sapienti e ai grandi della terra, vengono svelate ai miei bambini, gli umili, i semplici, che le accolgono con gioia e serenità.

Alcuni però vengono chiamati e poi rimangono diffidenti e la parola non penetra. Essi fanno come coloro che, udendo l'insegnamento del mio Gesù, rimanevano stupiti, ma poi dicevano: "Noi non comprendiamo questo linguaggio", e se ne andavano.

Ma a chi presta fede e opera in conformità e con la buona volontà delle anime semplici, e si dà da fare per far conoscere anche agli altri la verità, io do una grande gioia.

Vi è stato detto che la verità vi farà liberi. Sì, è vero, poiché la verità è luce, e quando la possedete voi camminate sicuri. La verità vi salva, figli, la verità è unica. Non vi sono cose opposte egualmente vere, poiché o una o l'altra può essere vera.

Io vi vado spiegando ogni cosa nel modo semplice con cui la Mamma parla ai suoi figli; ma la verità è sempre quella, figli, e chi possiede la verità, possiede Dio nel cuore.

Figli miei, nello studio della verità c'è l'incontro del cielo con la terra, di Dio con l'anima, e io ne sono come l'intermediaria. Amate, perciò, d'istruirvi nelle verità della fede. Fatene il vostro alimento quotidiano ed avrete tanta gioia nel cuore, perchè possedendo Dio, che è somma felicità, dovrete essere felici della sua stessa gioia.

Figli, sappiate che per quanto grandi siano i mali che avvolgono il mondo e tormentano le famiglie e gli uomini tutti, la fede in Dio, nel suo amore, la fiducia e l'abbandono in me, che sono la sua Mamma, tutti li possono guarire.

Figli miei, vi benedico ad uno ad uno e vi dono consolazione e grazia. Portatemi con voi nel mondo. Io ardo dal desiderio di rendere tutti felici, ma nessuno lo potrà essere se rifuggirà dalla verità."

 

 

 

I pensieri, le riflessioni e le meditazioni, raccolti in questi libri, sono stati ispirati dalla Beata Vergine Maria, Madre di Gesù, a Carmela Negri Carabelli. Sono però rivolti a tutte quelle anime che, desiderose di amare il Signore, cercano di mettere in pratica i suoi insegnamenti e dí vivere una vita cristiana più perfetta. Gesù benedica queste pagine e chi le legge con desiderio di migliorarsi, concedendo l'aiuto della sua grazia.

Per maggiori informazioni su questi magnifici insegnamenti e per qualsiasi necessità spirituale, o per partecipare e diffondere nel mondo, come Mamma Carmela, l'attività di preghiera, di apostolato, per far conoscere a tutti Gesù Misericordioso, rivolgersi al Centro di spiritualità:

"CENACOLO DELLA DIVINA MISERICORDIA",
Viale Lunigiana 30, 20125 Milano, Italia

Brani estratti dai messaggi ispirati da Gesù a Carmela Negri Carabelli con il permesso del CENACOLO DELLA DIVINA MISERICORDIA, Centro di spiritualità, Viale Lunigiana 30, 20125 Milano, Italia, al quale appartengono tutti i diritti.

Pro manoscritto. A norma del decreto della S. Congregazione della Fede (Atti della Sana Sede 58/1G del 29.12.1966) già approvato dal Papa Paolo N il 14.10.1966