Maria SS: Risorgere ogni giorno

Mi occorre un aiuto che viene dalle vostre preghiere perchè avvenga il miracolo. Ogni giorno, ogni momento è buono per operare cose grandiose

By

Risorgere ogni giorno

Dice Maria: (Maria Madre e Maestra, Vol. 1) —
"Figli miei, eccomi qui a portarvi una breve parola che vi aiuti a collegare il pensiero della risurrezione del mio divin Figlio a quello della risurrezione a cui ognuno è chiamato dopo questa vita terrena, per vivere nella gloria del cielo quella vita divina che è il fine, la conquista di ogni anima creata.

A me, prima d'ogni altro, apparve Gesù dopo la sua risurrezione ed io vidi il suo corpo glorioso e luminoso, in cui i segni della passione brillavano come soli e le piaghe di cui era ricoperto profumavano come i fiori più delicati. Il Figlio che avevo visto ridotto quale verme della terra, piagato e insanguinato, mi appariva ora in tutto il suo splendore.

Il mio cuore materno pieno di amore dava sfogo alla sua tenerezza e, mentre ai piedi della croce mi fu negato il conforto delle lacrime perché il mio corpo era impietrito dal dolore, alla vista del mio Figlio risorto abbondanti lacrime di gioia mi solcarono il viso.

Figli, anche ora io vago continuamente per il mondo in cerca di figli da risuscitare.

Il peccato li pone come in un sepolcro. Io mi avvicino a tutti, parlo con la dolcezza della mamma, con la forza della grazia, con la potenza che Dio mi dona. Se mi si ascolta o se nasce in questi sepolti vivi il desiderio della conversione, io li aiuto in tutto e faccio di essi anche dei santi.

Mi occorre un aiuto che viene dalle vostre preghiere perchè avvenga il miracolo. Ogni giorno, ogni momento è buono per operare cose grandiose. Qualche volta si spegne la fede e allora è ancora una morte sebbene non apparente, ma io mi servo di tutto, anche della vostra fede per ravvivare quella dei figli che l'hanno perduta.

Allora sono delle vere risurrezioni e voi vedete giovani e meno giovani riprendere quel modo di vivere che forse avevano dimenticato; riprendere quelle opere buone, quella carità, quelle virtù che sembravano come sepolte sotto la cenere.

Così, figli, come è risorto il mio Gesù, come risorge la natura ad una nuova vita, risorgete voi pure e, nel fervore della vita cristiana, diffondete la fede e l'amore, affinché tutti ritrovino se stessi nel Cristo risorto.

Vi ho detto che ho visto il mio Gesù con i segni della passione luminosi e gloriosi. Ebbene, sappiate che le ferite prodotte nell'anima vostra dal peccato che avrete confessato e le ferite causate a voi dalle sofferenze che continuamente vi martoriano il cuore, brilleranno di una luce indescrivibile che darà a voi grande gioia e a Dio grande gloria.

Sappiate risorgere ogni giorno, elevandovi in quelle virtù che vi rendono anche in questa vita luminosi davanti ai vostri fratelli per il buon esempio che li trascina, e queste elevazioni servano a farvi intravedere la Patria.

Vi benedico tutti."

 

 

 

I pensieri, le riflessioni e le meditazioni, raccolti in questi libri, sono stati ispirati da Gesù a Carmela Negri Carabelli.
Sono però rivolti a tutte quelle anime che, desiderose di amare il Signore, cercano di mettere in pratica i suoi insegnamenti e dí vivere una vita cristiana più perfetta.
Gesù benedica queste pagine e chi le legge con desiderio di migliorarsi, concedendo l'aiuto della sua grazia.

Per maggiori informazioni su questi magnifici insegnamenti e per qualsiasi necessità spirituale, o per partecipare e diffondere nel mondo, come Mamma Carmela, l'attività di preghiera, di apostolato, per far conoscere a tutti Gesù Misericordioso, rivolgersi al Centro di spiritualità:

"CENACOLO DELLA DIVINA MISERICORDIA",
Viale Lunigiana 30, 20125 Milano, Italia

Brani estratti dai messaggi ispirati da Gesù a Carmela Negri Carabelli con il permesso del CENACOLO DELLA DIVINA MISERICORDIA, Centro di spiritualità, Viale Lunigiana 30, 20125 Milano, Italia, al quale appartengono tutti i diritti.

Pro manoscritto.
A norma del decreto della S. Congregazione della Fede (Atti della Sana Sede 58/1G del 29.12.1966) già approvato dal Papa Paolo N il 14.10.1966