Gesù: Subirete l'Ira Divina se non griderete: Basta! alle nuove norme liturgiche in atto

Proteggete il Sacramento e il Santo Sacrificio non accettando quello che verrà imposto

By

10 Febbraio 2017:  Messaggio dato alla veggente Giglio del Santo Volto

Gesù: Subirete l'Ira Divina se non griderete: Basta! alle nuove norme liturgiche in atto

(Alla fine del messaggio di Gesù, viene riportato un articolo che mostra cio' che sta avvenendo in Vaticano con l'anti-papa Bergoglio)

Mi disse: «Questa porta rimarrà chiusa: non verrà aperta, nessuno vi passerà, perché c'è passato il Signore, Dio d'Israele. Perciò resterà chiusa.
(Ezechiele 44:2)

Poi accese le fiaccole, lasciò andare le volpi per i campi di grano dei Filistei e bruciò i covoni ammassati, il grano tuttora in piedi e perfino le vigne e gli oliveti.
(Giudici 15:5)

 

" Mia cara figlia, vedo dovunque perdizione e sordità alla Parola.

Cosa ancora dovranno subire gli innocenti per causa di coloro che abbandonano il senso del pudore, si avvalgono della propria forza umana per imporsi ai deboli con giuste accuse e propagano menzogne a dismisura?

Vergogna, grida il Mio Cuore!

Vergogna a chi nasconde verità invece di salvaguardare vite umane!

Notizie falsate.

Bugie colossali.

Omertà, omertà e ancora omertà.

Omertà anche in quei figli che si proclamano fedeli e devoti al loro Dio nascondendosi per non difendere la Verità.

Oltraggiosi, omertosi.

Come agnelli al macello subirete le conseguenze dell'Ira Divina se non vi alzerete a gridare: " Basta! "alle nuove norme liturgiche in atto.

Avete il compito di alzare il grido e sollevare la polvere per difendere i vostri diritti di Cristiani e di esseri umani.

Voi siete di Dio!

Voi siete figli della Verità!

Guardatevi bene dal partecipare ai piani di distruzione della Mia Chiesa o ne sarete ritenuti complici diretti.

Molto presto l'ignomìa entrerà e contaminerà i Miei focolari.

Proteggete il Sacramento e il Santo Sacrificio non accettando quello che verrà imposto.

Nei cuori, astenetevi dal partecipare.

Nella quotidianità del Santo Sacrificio, iniziate a vigilare e comprendere il cambiamento che verrà introdotto.

Egli agirà con la superbia di chi si ritiene in diritto quando non gli è stato concesso.

Io non Ho dato alcun consenso a tutto ciò!

Mai avrei modificato ciò che è stato stabilito.

La Legge, la Parola, la Liturgia istituita debbono essere un punto fermo per ogni Cristiano.

Mio Padre Ha inviato Me, Gesù Cristo, come Sacerdote per istituire il Sacramento.

Nel momento Solenne della prima Condivisione del Mio Corpo eravamo presenti soli uomini.

Ed agli uomini Ho tramandato di esercitare e ripristinare il Santo Sacrificio quotidiano.

Solo uomini consacrati possono, tramite il Rito della Transustansiazione, trasformare l'ostia in Corpo e Sangue del Signore.

La donna assisterà al Sacro Rito velata e in assoluta riverenza.

Gli uomini toglieranno il cappello dal capo, e si prostreranno anch'essi di fronte alla Divinità del Corpo del Cristo.

Sacerdoti, esigo non si voltino più le spalle al Tabernacolo e vi sia sempre un lume acceso come segno della Luce che Ho portato incarnandoMi e facendomi Vittima per la Salvezza.

Miei amati figli, vorrei comprendiate l'importanza delle Mie Parole.

Presto, il Trono vedrà l'uomo iniquo sedersi su di esso e la Santa Sede ne subirà amare conseguenze.

Subirà un crollo non solamente spirituale, ma fisico.

Le offese e gli abomini accelerano il castigo sulla capitale.

La forza del sisma nel territorio circostante creerà un forte sconforto.

Il colosso crollerà insieme al suo orgoglio.

Pentitevi, difendeteMi.

Siate coraggiosi perché Dio Padre userà misericordia con chi non ha voltato le spalle.

Andate e proclamate la Verità, senza vergona.

Il vostro Salvatore e Sommo Sacerdote, Cristo Gesù."

 

La sapienza dell'accorto sta nel capire la sua via, ma la stoltezza degli sciocchi è inganno.
(Proverbi 14:8)

Per questo, pur avendo in Cristo piena libertà di comandarti ciò che devi fare,
(Filemone 1:8)

Certo egli ama i popoli; tutti i suoi santi sono nelle tue mani, mentre essi, accampati ai tuoi piedi, ricevono le tue parole.
(Deuteronomio 33:3)

 Fonte: Giglio del Santo Volto

 

 

 

Con Paolo VI, l’abolizione della liturgia cattolica. Con Bergoglio, l’abolizione del Sacrificio Eucaristico

Con Bergoglio, l’abolizione del Sacrificio Eucaristico

Che trapelino i piani di Bergoglio sulla Chiesa e l’umanità, è qualcosa che la falsa Chiesa certo non vorrebbe. Eppure, succede e ci permette di essere ancora più preparati a quello che sta per venire.

Ci sono già gli attacchi terribili all’indissolubilità del matrimonio, che colpiscono allo stesso tempo i sacramenti della Confessione e dell’Eucaristia, e la dignità del Sacerdozio.

Ci sono le persecuzioni sataniche contro coloro che servono la Madonna e la causa del Vangelo (sacerdoti, Vescovi, Cardinali, i Francescani dell’Immacolata, l’Ordine di Malta…).

Si diffonde una marea di falsi insegnamenti eretici, che continuano dall’elezione (valida?) di Bergoglio fino a questo momento.

C’è la quasi esplicita approvazione della contraccezione (vedi il caso dell’Ordine di Malta) e dell’eutanasia (vedi la nuova carta deontologica degli operatori sanitari, approvata da Bergoglio).

Tuttavia, perché si compia interamente l’«abominio della desolazione» «nel luogo santo» (Dn 9, 27; Mt 24, 15), ora ci si muove per abolire il Sacrificio Eucaristico.

Papa Paolo VI, assecondando un personaggio massone o filomassone (Mons. Bugnini), abolì nel 1969 la liturgia cattolica, la Santa Messa e la liturgia di sempre. La sostituì con una Messa riformata, svilita, miserabile, diventata con le ulteriori modifiche successive un’accozzaglia di abusi luterani, massonici, blasfemi.

Non approfondiamo qui la questione del «dialogo col mondo», che ha devastato lo spirito di testimonianza della Chiesa, del clero, dei laici.

Fatto sta che dopo cinquant’anni circa di Messa riformata, i cattolici sono così pervertiti e addormentati da poter accogliere anche l’abolizione della stessa validità sacrificale della Messa. Cioè, della Messa come Sacrificio Eucaristico, il Sacrificio di Nostro Signore rinnovato misticamente sull’altare.

Come potete leggere nell’estratto riportato di seguito, Bergoglio si sta già muovendo in questo senso.

Ognuno si prenda le sue responsabilità.

(…) Intanto già è circolata la notizia che il Vescovo di Roma ha dato indicazioni per un cambio di “liturgia eucaristica”.

Ha dato delle dritte, che poi passeranno al suo vaglio per cambiare in soldoni il rito della Santa Messa.

Vi cito solo un articolo su questo ma in rete è pieno di fonti:

(http://ultimo-papa.blogspot.it/2017/02/bergoglio-ordina-cambiate-la-liturgia.html).

La mia fonte confidenziale di Santa Marta, riferendomi qualche discussione sentita – tra un pranzo e l’altro – mi ha detto che in realtà il cambiamento della Messa, voluto da Bergoglio, ha UN SOLO FINE: QUELLO ECUMENICO.

Cioè “creare” una Messa che non sia in contrapposizione con i protestanti e quindi una liturgia che si possa celebrare “in comunione”.

È questa la verità. E questo è il suo intento. Una liturgia perenne che sia però ecumenica. Ovviamente prevedo che Bergoglio per poter fare questo dovrà cambiare anche il testo della “Consacrazione”.

Il che renderebbe la Messa invalida. E prevedo pure che chi si rifiuterà di celebrare con questo “nuovo rito” sarà considerato fuori dalla Chiesa.

Stanno arrivando questi tempi. E facciamocene una ragione. Il vescovo di Roma vuole diventare “el presidente” delle varie confessioni; e per fare questo sta vendendo Gesù Cristo ad un prezzo molto più basso di Giuda.

Per quanto mi riguarda, essendo io un sacerdote, mi rifiuterò di celebrare questo tipo di liturgia. E vi dico che si tornerà ad essere cristiani delle “catacombe”.

L’intento di Bergoglio dunque è arrivare a questo. Modificare per “unire”.

Già oggi, nel discorso a quei luterani, ha già accennato che la divisione liturgica tra cattolici e protestanti ferisce soprattutto le “coppie” miste: vedi articolo (Vatican Insider)

Quindi pare voglia anche accelerare i tempi.

La mia “fonte” Santamartese mi confida che è cosa quasi fatta.

Solo questione di poco tempo.

Mala tempora currunt.

Suggerisco a tutti i lettori: pregate la Madonna con tanti Rosari. Non per allontanare questi tempi. Perché ormai ci siamo. Ma perché vi aiuti a conservare la fede. E ad essere perseveranti nel momento della persecuzione. Che arriverà presto.

Fonte: Luce che sorge