Apocalisse rivelata: Alle Chiese

Cristo proponeva un modo di vita duro, un modo di vita disciplinato, a un popolo abituato a seguire la sua natura peccaminosa

By

CAPITOLO VIII (8)

Alle Chiese

Gabriele, Arcangelo di Dio e di Maria Regina degli Angeli:

«Date a Cesare quanto è di Cesare e a Dio quanto è di Dio. Le tasse di oggi non sono meno pesanti di quelle che pretendevano i Romani in Israele, al tempo di Gesù. Eppure Gesù ha detto di pagare le tasse ai Romani. Il denaro è solo moneta emessa dal governo.

MA L'ANIMA APPARTIENE A DIO.

Cristo ha dovuto a lungo parlare al Suo popolo per insegnargli il giusto modo di vivere. E ciò non doveva valere solo per quei tempi ma anche per i nostri giorni.

Molte condizioni affrontate dagli Ebrei nella Terra Santa allora, sono state affrontate oggi dagli uomini.

No, non siamo schiavi del conquistatore, ma siamo schiavi del governo e anche della società.

Le chiese di oggi non sono molto diverse dalle chiese di un tempo. La gente è diventata più fredda e la carità, da sacro dovere, si è trasformata in esenzione fiscale.

Vi sono molte similitudini, ma non le elencheremo. Piuttosto, ancora una volta guarderemo all'insegnamento di Cristo per sapere quanto dovremo fare.

Il Discorso della Montagna sarà l'inizio.

Le Beatitudini sono così attuali oggi come lo erano in quel giorno. Le ricompense per una vita retta saranno date dopo.

LE BEATITUDINI Matteo, Capitolo 5

«Beati i poveri in spirito, perché di essi è il Regno dei Cieli. Beati quelli che piangono, perché saranno consolati. Beati i miti, perché erediteranno la terra! Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché otterranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati i pacificatori, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati quelli che sono perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Beati sarete voi, quando vi oltraggeranno e perseguiteranno e falsamente diranno di voi ogni male per cagion mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande sarà la vostra ricompensa nei cieli; così, infatti, hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi».

Gli uomini nel tempo di Cristo possono essere caratterizzati dal rovesciamento delle Beatitudini. Essi non erano poveri in spirito, ma si ritenevano santi e graditi a Dio. Erano orgogliosi, e freddi nei loro cuori, perché non piangevano la morte della madre, del padre o di un parente. Non erano giusti, prendevano l'un l'altro a litigare per la più piccola offesa, spesso immaginata. Non mostravano misericordia ai loro debitori o agli sfortunati o ammalati. Non erano puri di cuore. Parole e gesti osceni si osservavano ovunque. Litigavano tra di loro e l'assassinio veniva commesso quotidianamente.

La rapina, l'aggressione e altri crimini non erano insoliti. Quanti cercavano di vivere come seguaci di Cristo erano derisi, lapidati e perseguitati anche mentre Cristo
viveva.

Cristo insegnò una verità nuova e insolita.

Essa fu predicata a un popolo non ansioso di ascoltarlo. Questi uomini, ai quali Gesù si rivolse, cercarono molte volte di fargli del male. Nella Sua città natale, all'inizio, Egli fu acclamato, ma quando il Suo messaggio fu portato ai Nazareni, essi cercarono di farGli del male.

Se non fosse stato Dio, Egli sarebbe stato ucciso. L'uomo comune spesso veniva ad ascoltarLo solo per allontanarsi da Lui quando il messaggio liquidava i propri difetti. Gli altolocati nella chiesa cercarono di metterlo in difficoltà con domande e di coglierlo in bestemmia. Non gradivano la Sua Mente investigatrice, i Suoi modi onesti, la Sua rivelazione dei loro peccati.

I ricchi trovarono la Sua strada dura da seguire, perché Egli invitava a cedere ai poveri le loro ricchezze e proprietà in eccesso.

Cristo proponeva un modo di vita duro, un modo di vita disciplinato, a un popolo abituato a seguire la sua natura peccaminosa.

La generazione di quel tempo era molto simile a questo tempo nella storia. Cristo vide il peccato, ovunque l'odio e la mancanza di carità. Vide l'ingiustizia nei tribunali e corruzione nella chiesa, e l'adorazione dovuta a Dio esser data a Satana per amore del denaro e dei beni terreni.

Perché allora la verità quando preferivano menzogne? Il Grande Piano di Dio non poteva essere abbandonato. Vi erano alcuni che potevano essere salvati. Erano i Suoi seguaci, la speranza di tutte le generazioni future. Come i veri Cristiani d'oggi, Lo amavano, Lo adoravano e Lo seguivano».

Gabriele, Arcangelo di Dio e di Maria, Regina degli Angeli

... Anche il piano di Satana sarebbe sconfitto.

La Chiesa Cattolica ha accumulato ricchezze sufficienti per nutrire la Cina e l'Africa per un breve tempo. Ma un breve tempo è tutto ciò che è necessario, perché la Venuta di Cristo cambierebbe la terra intera!

Satana e i suoi demoni sarebbero portati via dalla terra. Sarebbero allora eliminati tutti gli uomini empi. I pagani, quelli che hanno ascoltato il messaggio di Cristo e l'hanno respinto, non avranno un posto nel Nuovo Ordine, nella Nuova Terra.

Sì, vi sono Cristiani in Cina, Africa e tutti i paesi della terra. Ma «l'esplosione demografica» non durerebbe più a lungo.

Le orde dell'Est non vi sarebbero più. I cristiani cinesi regnerebbero in Cina, i cristiani giapponesi in Giappone, quelli vietnamiti in Vietnam, nel loro paese, e il numero sarebbe esiguo.

In Russia il numero sarà più grande che nelle nazioni occidentali, perché il buon popolo russo non ha avuto chiesa per essere caduta in rovina. Essi si sono disperatamente ancorati alla loro antica fede. Hanno segretamente istruito i loro bambini. Gli adolescenti e quelli dai venti ai quarant'anni sarebbero pochi in numero perché molti di loro sono stati indottrinati con l'ateismo.

I molto vecchi e i giovanissimi saranno lasciati in Russia. Come sarà cambiata la terra! Case per tutti, nessun limite per impedire agli uomini di viaggiare nel mondo.

Nessuna minaccia di carestia, guerra o male. L'uomo cosmico sarà governato dal Cristo cosmico».

Gabriele, Arcangelo di Dio e di Maria, Regina degli Angeli